Trova la foto stock perfetta di presbiterio. Si dice pure “coro … tribunal (v. tribunale), [...] durante le cerimonie (il nome è usato ancora raram., per analogia, per indicare il presbiterio delle chiese moderne, il coro, e anche l’abside). Durante il periodo Gotico la struttura del presbiterio cambiò radicalmente: nelle chiese costruite ex novo si decise di abbassare il livello del piano di calpestio e così l'area presbiteriale risultò sopraelevata rispetto alle navate soltanto di pochi gradini. Comprende il Santuario. Nelle prime basiliche paleocristiane il presbiterio era separato dalla navata e dall'eventuale transetto dalla pergula, che, nella maggior parte delle volte, come nel caso della Coro: spazio della chiesa situato fra il presbiterio e l’abside, destinato alla recita dell’uffizio e al canto da parte del clero. -ri) 1 Nella Chiesa cattolica, collegio presbiteriale di una diocesi presieduta dal vescovo 2 Nelle Chiese protestanti presbiteriane, consiglio locale della chiesa formato da un numero uguale di ecclesiastici e di laici 3 estens. This file is licensed under the Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International, 3.0 Unported, 2.5 Generic, 2.0 Generic and 1.0 Generic license. Con l'ampliamento delle absidi si iniziò a disporre gli stalli del coro lungo le pareti laterali del tratto di abside prima dell'emiciclo finale e, l'altare, in quest'ultimo. CORO LIGNEO Veneto, Sec. Nella lunetta di fondo, Giuseppe Agellio e Matteo Zaccolini dipinsero Costantino che manda a cercare sul monte Soratte papa Silvestro. tardo (eccles.) Scopri i sinonimi e contrari del termine presbiterio Entro questa data l’opera di ampliamento del presbiterio è quindi portata a compimento e sono realizzati gli affreschi sulle pareti laterali, sistemati gli stalli, innalzate la cantoria e la bella cassa dell’organo. Con il Concilio di Trento, convocato nel 1545 da papa Paolo III e portato avanti, seppur con varie interruzioni, dai papi Giulio III e Paolo IV sino al 1563, e la Riforma Cattolica, la struttura del presbiterio variò ancora una volta, però non di molto, rispetto ai cambiamenti precedenti. Basilica costantiniana di San Pietro in Vaticano, era costituito da quattro o più colonne montate sopra dei plutei. Dignità sacerdotale, sacerdozio. Presbiterio – Coro – Aula – Bussola. NUOVI ANNALI - 2010 Richard Schofield Un’introduzione al presbiterio del Duomo tra Vincenzo Seregni e Carlo Borromeo Le informazioni sul presbiterio del Duomo prima del- Il coro negli anni Cinquanta l’intervento di Seregni del 1557 sono davvero assai scarse1. Presbiterio. Pagina 8. These sentences come from external sources and may not be accurate. presbitèrio s. m. [dal lat. Presbiterio: (arch.) A partire dalla metà dell'Ottocento apparvero dei nuovi stili architettonici, che ritraevano quelli del passato: i più importanti furono il neoromanico ed il neogotico, che si affiancarono al neoclassico. Questo spazio deve contenere almeno i seguenti elementi essenziali: l'altare e la predella (pedana) del celebrante. Presbiterio e coro Il presbiterio ed il coro sono due ambienti attigui alla sacrestia vecchia e sono, a differenza del resto della chiesa, di origine cinquecentesca, all'epoca cioè degli ultimi ampliamenti della chiesa inferiore per retrocedere l'altare e lasciare spazio alla cupola centrale dell'edificio. XVIII prima metà legno di noce intagliato e lavorato cm. GLI STALLI DEL CORO. Si chiama presbiterio quella parte di chiesa riservata al vescovo e al clero. Corridoio che corre attorno al coro e all'abside. 2) Nelle Chiese presbiteriane, Consiglio di ecclesiastici e laici. Con il romanico si abbandonò la struttura della Schola Cantorum (la parte antistante del presbiterio era utilizzata come ingresso alla cripta) ed gli stalli del coro iniziarono ad essere disposti lungo le pareti dell'abside (come si può ancora vedere nel Duomo di Modena) e, solo in rarissimi casi, rimase l'utilizzo della pergula. E. Presbiterio e coro Questo ambiente, a due campate, fu realizzato probabilmente da Ottaviano Mascarino (1580-85). Chor, Presbyterium und elliptisches Gewölbe wurden zwischen 1718 und 1722 fertiggestellt. Presbitério é o espaço que num templo ou catedral católicos, precede o altar-mor. Durante il periodo Gotico la struttura del presbiterio cambiò radicalmente: nelle chiese costruite ex novo si decise di abbassare il livello del piano di calpestio e così l'area presbiteriale risultò sopraelevata rispetto alle navate soltanto di pochi gradini. In alcune chiese calviniste il presbiterio è inesistente poiché il pulpito, centro del culto, è posto in posizione sopraelevata a metà navata. G. Sariga. Durante il periodo Gotico la struttura del presbiterio cambiò radicalmente: nelle chiese costruite ex novo si decise di abbassare il livello del piano di calpestio e così l'area presbiteriale risultò sopraelevata rispetto alle navate soltanto di pochi gradini. Enorme raccolta, scelta incredibile, oltre 100 milioni di immagini RF e RM di alta qualità e convenienti. Nel presbiterio delle chiese presbiteriane il punto centrale non è l'altare, che di fatto non c'è, ma il pulpito: infatti, per i presbiteriani, il culto è incentrato sulla lettura della Bibbia e del commento di essa da parte di un pastore. Col romanico si abbandonò la struttura della Schola Cantorum (la parte antistante del presbiterio era utilizzata come ingresso alla cripta) ed i seggi del coro iniziarono ad essere disposti lungo le pareti dell'abside (come si può ancora vedere nel Duomo di Modena) e, solo in rarissimi casi, rimase l'utilizzo della pergula. Questo pittore, originario di Casale Monferrato, dal 1803 al 1815 risiedette a Chieri dove tenne la cattedra di Disegno nelle scuole comunali. In seguito il presbiterio fu spesso evidenziato all'esterno: nell'architettura romanica e gotica dal tiburio, in quella rinascimentale, barocca e neoclassica dalla cupola. presbyterium «collegio dei preti» (gr. Col romanico si abbandonò la struttura della Schola Cantorum (la parte antistante del presbiterio era utilizzata come ingresso alla cripta) ed i seggi del coro iniziarono ad essere disposti lungo le pareti dell'abside (come si può ancora vedere nel Duomo di Modena) e, solo in rarissimi casi, rimase l'utilizzo della pergula. s.m. Casa, spec. ANDINO, Cristóbal. Si chiama presbiterio quella parte di chiesa riservata al vescovo e al clero. Le pareti sono decorate con raffigurazioni di Angeli con cartigli: . L’iscrizione presente sulla cornice soprastante la porticina ricavata tra gli stalli del coro ostenta l’anno 1652. πρεσβυτέριον, propr. «consiglio degli anziani», der. Il presbiterio, il coro, la navata centrale Il presbiterio e l’altar maggiore, originariamente dedicati a San Giorgio, erano di patronato della famiglia Villa di Villastellone che all’inizio del Quattrocento aveva promosso e finanziato la ricostruzione della chiesa. 388. (nelle basiliche cristiane) abside, coro. Con la riforma liturgica seguita al Concilio Vaticano II la struttura del presbiterio fu totalmente rivoluzionata. Esempi di questi interventi sono: la Cattedrale di Notre Dame a Parigi, ove è stata rimossa la balaustra per lasciare spazio a un nuovo altare moderno; il Duomo di Milano, ove l'antico altare medioevale è stato liberato dalle sovrastrutture installate all'epoca di Carlo Borromeo, separato dal tabernacolo, e spostato in avanti; e la procattedrale di Santa Maria a Dublino, dove l'altar maggiore originario è stato completamente rimosso in favore di uno versus populum costruito utilizzando elementi del preesistente. In questa terza fase cadono i lavori relativi all'altare maggiore e al tabernacolo, al pulpito, all'ampia scala al presbiterio e agli altari laterali. Su di esso vengono preparati e benedetti il pane e il vino che vengono consumati durante i culti più importanti dell'anno liturgico. Chor, Presbyterium und elliptisches Gewölbe wurden zwischen 1718 und 1722 fertiggestellt. È situato alla fine della navata centrale e terminato dall'abside. Anche l'altare cambia la sua forma: gli stalli del coro iniziarono ad essere disposti sulle cantorie, al di fuori al presbiterio, anche se, in alcuni casi, gli stalli furono disposti, ove vi era la possibilità, dietro l'altar maggiore. Presbiterio: (arch.) La sede fu, invece, spostata lungo una delle pareti laterali dell'abside (generalmente lungo quella destra) e si abbandonarono definitivamente i plutei in favore delle balaustre di colonnine o pilastrini. Nel 1694, costruendo la nuova chiesa, Bernardino Quadro non eliminò la cappella esistente, che era stata costruita solo venti anni prima da Antonio Bettino, ma la utilizzò facendone il presbiterio e il coro della nuova chiesa. Context sentences for "presbiterio" in English. San Defendente ed altri Santi. πρεσβυτέριον, [...] propr. Powered by: Guido Gilli - Soluzioni Informatiche. (Man.) Publisher: MARCIANUM PRESS. s.m. Le cappelle absidali , o cappelle radianti: Dette anche absidiole, sono piccole absidi che escono in fuori (se sono due, si parla di doppia abside , se sono tre di abside triconca ). Negli anni Cinquanta del Seicento il presbiterio e il coro, che avevano sostanzialmente mantenuto il loro aspetto gotico, cambiarono radicalmente aspetto. Esiste ancora, accantonato sul lato sinistro del presbiterio, l’altare barocco in legno e cartapesta con le reliquie di San Benedetto Martire, protettore dei Tintori. Il presbiterio è la parte architettonica della chiesa riservata al clero officiante, ovvero ai presbiteri. Questo spazio deve contenere almeno i seguenti elementi essenziali: l'altare e la predella (pedana) del celebrante. Rappresenta la Madonna con il Bambino e, in basso, San Bernardino da Siena e San Michele Arcangelo. 2. Presbiterio e Coro Nel 1694, costruendo la nuova chiesa, Bernardino Quadro non eliminò la cappella esistente, che era stata costruita solo venti anni prima da Antonio Bettino, ma la utilizzò facendone il presbiterio e il coro della nuova chiesa. Si narra che il papa, credendosi vicino al martirio, avrebbe preso in mano il Crocifisso. Don Valentino FERRARI (diocesi di Bergamo) Vicario parrocchiale. E. Presbiterio e coro. L'area, sopraelevata soltanto di qualche gradino, è celata alla vista dei fedeli (eccezion fatta per il catino) dall'iconostasi che, a differenza della zona in cui si trova la chiesa, può avere varie forme e dimensioni. Presbiterio e Coro. Dopo Longhena: la ridefinizione architettonica e decorativa del coro e del presbiterio della chiesa degli Scalzi . In questi casi, come si può vedere nella Basilica di Santa Scolastica a Subiaco, o in quelle di San Giorgio e del Redentore di Venezia, fu creato un apposito vano dietro l'abside, separato da essa tramite un colonnato rettilineo o semicircolare. (pl. Esso è sopraelevato di tre gradini rispetto al resto del coro e, in corrispondenza del centro dell'ottagono, dove si trova l'altare maggiore, si protende in avanti assumendo … Maria Luisa Mazzarello, Maria Franca Tricarico, Elementi architettonici delle chiese cristiane, Basilica costantiniana di San Pietro in Vaticano, Chiesa della Santissima Trinità dei Pellegrini e Convalescenti, Seattle Catholic - Follow-Up on the Milwaukee Cathedral Renovation, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Presbiterio&oldid=116851385, Elementi architettonici dell'architettura religiosa cristiana, Parti di edifici dell'architettura religiosa, Voci non biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Altare, addossato sulla parete di fondo (nella quale, in genere, si apre una grande, con accentramento del fonte battesimale (in cui il punto più importante è la vasca per il, con accentramento dell'altare (in cui si trovano l'. Sopra di essa, talvolta, si poteva anche salire tramite delle scalette a chiocciola che spesso si trovavano sulla fronte esterna della parete. chancel {noun} Context sentences. A súa localización cambiou ao longo do tempo pois, mentres ao principio situouse no presbiterio, máis adiante situouse na nave central ou nos pés da igrexa e en alto. Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta. Rappresenta la Madonna con il Bambino e, in basso, San Bernardino da Siena e San Michele Arcangelo. Unas veces se trata de una estancia cerrada aneja al presbiterio, con el que se comunica a través de una gran reja que permite ver el altar; otras veces se sitúa en alto a los pies de la iglesia, e incluso puede haber debajo de él un segundo coro asentado en planta (1), ambos enrejados o protegidos con celosía s. La struttura del presbiterio delle chiese valdesi è uguale a quella delle chiese presbiteriane, ma ha un elemento in più: il Tavolo della Santa Cena. Il presbiterio delle chiese cattoliche, nel corso dei secoli, ha subito molte modifiche, soprattutto nell'aggiunta e rimozione di elementi per la liturgia. © Tutti i diritti riservati © Con l'architettura neoclassica, invece, non ci fu una grande mutazione in campo stilistico (né, ovviamente, in quello strutturale) poiché già il barocco nasceva dall'idea di riprendere l'arte classica. Participación de la orquesta y el coro del presbiterio de misiones y el Ensamble y Coro de el instituto de música de la Iglesia Central en el Congreso de … Al vasto Presbiterio, sopraelevato rispetto alle navate, si accede da un' ampia scalinata di nove gradini. PSALLITE DEO NOSTRO -ri) 1 Nella Chiesa cattolica, collegio presbiteriale di una diocesi presieduta dal vescovo 2 Nelle Chiese protestanti presbiteriane, consiglio locale della chiesa formato da un numero uguale di ecclesiastici e di laici 3 estens. E Lett. Ora il detto imbasamento sì avea tutto il presbiterio. Cuore pulsante della vita liturgica che ogni giorno innalza lodi a Dio, l’area presbiterale è realmente una porta verso il cielo e, proprio attraverso la preghiera, apre un dialogo con l’Eterno Padre, la cui voce pare rispondere, rassicurante e … La struttura del presbiterio, nelle chiese riformate, varia di non poco a seconda delle chiese. In alcune chiese, tra cui le basiliche romane, nessun adattamento dell'altare maggiore fu necessario, come conseguenza del fatto che l'abside era rivolta a occidente e il celebrante, per celebrare guardando a est (ad orientem), doveva necessariamente guardare verso l'assemblea. (M.) Non piccolo impedimento a ben incarnar questo disegno fu la interiore struttura del tempio, nella parte del presbiterio, e del coro. CRONOLOGIA PRESBITERIO. Tutti i diritti riservati. Durante il periodo Gotico la struttura del presbiterio cambiò radicalmente: nelle chiese costruite ex novo si decise di abbassare il livello del piano di calpestio e così l'area presbiteriale risultò sopraelevata rispetto alle navate soltanto di pochi gradini. Durante il periodo Gotico la struttura del presbiterio cambiò radicalmente: nelle chiese costruite ex novo si decise di abbassare il livello del piano di calpestio e così l'area presbiteriale risultò sopraelevata rispetto alle navate soltanto di pochi gradini. Parroco: don Valentino Ferrari. Presbiterio e coro I soggetti Il ciclo decorativo di presbiterio e coro, insieme al crocifisso dell’altare, ricostruisce un percorso narrativo unitario che tratta dell’attuazione del piano divino: questo ha preso avvio all’inizio dei tempi per proseguire fino alla Crocifissione, cioè la Storia di … 247 x 618 (una sezione) condizioni: buone (lacune nei profili; elementi posteriori nei sedili a sinistra) Le due sezioni del coro sono addossate alle pareti laterali della tribuna; gli schienali sono divisi da lesene sfaccettate ed hanno cartelle doppie in rilievo. Cronologia sacerdoti a san Giustino (14/03/2020) PARROCCHIA SAN GIUSTINO. L’iscrizione presente sulla cornice soprastante la porticina ricavata tra gli stalli del coro ostenta l’anno 1652. Titolo presbiterale: Card. Durante questo periodo fu ospite del conte Albrizzi, nella sua villa di Este. coro y presbiterio {noun} volume_up. ANONIMO. En arquitectura denomínase coro á parte dunha igrexa reservada ao conxunto de relixiosos a ela adscrito, os cales cantan os oficios. Con l'avvento dell'architettura romanica, il dislivello fra il pavimento del presbiterio e quello delle navate divenne tale che quei pochi gradini che servivano per raggiungere l'altare divennero vere e proprie rampe di scale, mentre le cripte, che avevano iniziato a raggiungere persino le nove navate, delle "chiese dentro la chiesa". Don Federico PORRELLO (diocesi di Roma) La struttura dell'area presbiteriale delle chiese anglicane riprende, molto spesso, quella dei presbiteri gotici cattolici (basti pensare che in quel periodo non si pensava neanche allo scisma di Enrico VIII, avvenuto nel XVI secolo). Inoltre, la pergula aveva anche il compito di separare il presbiterio dall'annessa Schola Cantorum, ove si trovavano i cantores, che era a sua volta separata dalla navata da plutei marmorei. (pl. Jean-Baptiste PHAM MINH MAN. Topics: Settore ICAR/18 - Storia dell'Architettura . Enorme raccolta, scelta incredibile, oltre 100 milioni di immagini RF e RM di alta qualità e convenienti. Talvolta sovrasta una cripta in cui sono deposte le reliquie di un martire. Un'ulteriore apertura del presbiterio verso i fedeli fu data in molti casi dalla rimozione delle balaustre e fu reintrodotto anche un elemento antico: l'ambone, da cui si leggono il Vangelo, i Salmi e le Letture. tardo (eccles.) SARIGA Giuseppe, I Santi Defendente, Grato, Liborio, Antonio da Padova, Francesco Saverio e Margherita da Cortona, (seconda metà del sec. di πρεσβύτερος: v. presbitero)]. O presbiterio é o espazo que nun templo ou catedral católicos, precede ao altar maior. 2. Quest'ultimo, che dapprima era una semplice piattaforma sopraelevata al centro della navata basilicale, venne circondato dagli stalli, come si può ancora vedere nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. 247 x 618 (una sezione) condizioni: buone (lacune nei profili; elementi posteriori nei sedili a sinistra) Le due sezioni del coro sono addossate alle pareti laterali della tribuna; gli schienali sono divisi da lesene sfaccettate ed hanno cartelle doppie in rilievo. Alle pareti laterali del presbiterio si possono ammirare due affreschi di Giovanni De Min (1786-1859). Sia con il neo-romanico ed il neogotico il presbiterio assunse una radicale trasformazione non nella disposizione dei vari elementi (erano sempre quelli del Concilio di Trento), ma nella forma e nello stile di essi: iniziarono ad apparire balaustrate con eleganti archetti sostenuti da colonnine con capitelli romanici e corinzi, gli altari, anch'essi, si decorarono di archetti ciechi ed iniziarono a ritornare le absidi semicircolari. In altre invece il pulpito è posto all'interno del presbiterio e solitamente sovrasta l'altare, quindi è dietro quest'ultimo ed è attaccato al muro del presbiterio[3]. Negli ultimi tempi si è preferito, però, abolire il pontile in favore di semplici balaustre. Year: 2014. XVIII prima metà legno di noce intagliato e lavorato cm. L'altare, l'ambone e la cattedra vescovile sono realizzati con linguaggio unitario dallo scultore Mario Rudelli, mentre le sedi dei concelebranti sono realizzate in legno, in proseguimento degli stalli del coro, così da consentire la massima flessibilità sia della posizione sia della quantità dei posti disponibili. Ma non sembra verosimile che si tratti di quello attuale. Pulpito, in posizione sempre decentrata rispetto all'altare, da cui predica il pastore; Ambone, da cui i fedeli leggono le letture dall'. Quindi il coro venne presto allegato al presbiterio. Il coro ligneo seicentesco proviene dal convento domenicano di Santa Margherita. Presbiterio e Abside il cuore della Liturgia. Negli altri periodi, invece, il tavolo rimane vuoto, oppure, come in alcune chiese, vi si colloca una Bibbia. Dai documenti dell’archivio della Confraternita risulta che un quadro con tale soggetto esistesse sull’altare della cappella di San Bernardino fin dal 1591, quando aveva sede nel chiostro del convento di San Francesco. Si suppone, perciò, che il quadro sia stato dipinto per un’altra destinazione attorno al 1810 e che poi sia stato trasferito nella chiesa di San Bernardino. Quest'ultimo, che dapprima era una semplice piattaforma sopraelevata al centro della navata basilicale, venne circondato dagli stalli, come si può ancora vedere nella Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma. Esistono varie tipologie di presbiterio a seconda delle varie confessioni cristiane. CACCIA Guglielmo (Il Moncalvo),  Madonna col Bambino, San Bernardino e San Michele Arcangelo  (1591). O presbiterio é o espazo que nun templo ou catedral católicos, precede ao altar maior. presbyterium «collegio dei preti» (gr. PSALLITE DEO NOSTRO By Martina Frank. È  Antonio Bosio che ci informa che ai suoi tempi nella chiesa di San Bernardino si cominciò a venerare la santa Martire Eurosia, protettrice delle campagne, e che vi fu collocato il quadro del martirio della Santa che era stato dipinto da Pietro Fea. La pala dell’altar maggiore, collocata nella parte alta del coro, è un’opera di Guglielmo Caccia detto “il Moncalvo”. Solo successivamente, con Gregorio Magno, il presbiterio iniziò ad essere sopraelevato rispetto all'aula della chiesa, il che favorì l'inizio della creazioni di cripte semisotterranee al disotto dell'area presbiterale, principalmente semianulari. Il coro, il presbiterio e la volta ellittica vennero completati fra il 1718 e il 1722. E 12. Attribuito da Antonio Bosio al pittore luganese Giuseppe Sariga, questo quadro fungeva da pala dell’altare di destra della chiesa, prima di dover cedere il posto a quello del Moncalvo che ancora vi si trova esposto. Altare, rivolto verso la parete di fondo e non verso i fedeli, su cui trovano posto il. presbiterio 0 Spogliato nel corso dei secoli del coro ligneo e dell’altare maggiore, trasferito nel Duomo nella cappella dell’Immacolata, il lungo e profondo presbiterio doveva far parte dei disegni dovuti a Gabriele Riccardi, che fu il primo architetto delle fabbriche celestine. (nelle basiliche cristiane) abside, coro. Il presbiterio occupa l'area centrale ed orientale del coro e, nel suo assetto attuale, risale al 1973. di πρεσβύτερος: v. presbitero)]. – 1. ant. Al vasto Presbiterio, sopraelevato rispetto alle navate, si accede da un' ampia scalinata di nove gradini. Esso infatti è composto da: Il presbiterio attuale e i suoi componenti. Ai due lati di esso si possono trovare anche i due altari del diakonikon (a destra) e quello della protesi (a sinistra); solo in alcuni casi, lungo il perimetro interno dell'abside, vi si possono trovare i seggi per il clero celebrante. del lat. El presbiterio (del latín presbyterium ‘consejo de ancianos’ y este a su vez del griego πρεσβύτερος ‘más anciano’ [1] ) es el espacio que en un templo o catedral católicos, precede al altar mayor. È  una buona copia di autore ignoto del particolare della pala del Moncalvo, collocata nella parte alta del coro, dove viene raffigurato San Bernardino da Siena con, ai piedi, tre mitrie a significare le tre rinunce che il Santo fece alla dignità episcopale. En arquitectura denomínase coro á parte dunha igrexa reservada ao conxunto de relixiosos a ela adscrito, os cales cantan os oficios. Vietata la riproduzione, anche parziale, senza autorizzazione scritta. PRESBITERIO Spogliato nel corso dei secoli del coro ligneo e dell’altare maggiore, trasferito nel Duomo nella cappella dell’Immacolata, il lungo e profondo presbiterio doveva far parte dei disegni dovuti a Gabriele Riccardi, che fu il primo architetto delle fabbriche celestine. Estaba, ata o Concilio Vaticano II, reservado ao clero e pode quedar separado da nave central por bancadas, escalinatas ou un enreixado.Adoita ser o lugar destinado ao coro… Nel 1694, costruendo la nuova chiesa, Bernardino Quadro non eliminò la cappella esistente, che era stata costruita solo venti anni prima da Antonio Bettino, ma la utilizzò facendone il presbiterio e il coro della nuova chiesa. Quindi il coro venne presto allegato al presbiterio. Ces. tribuna s. f. [dalla forma del nomin. FEA Pietro, Martirio di Sant’Eurosia ( 1810 ca). Corridoio che corre attorno al coro e all'abside. Questo ambiente, a due campate, fu realizzato probabilmente da Ottaviano Mascarino (1580-85). Nella lunetta di fondo, Giuseppe Agellio e Matteo Zaccolini dipinsero Costantino che manda a cercare sul monte Soratte papa Silvestro. Nessun obbligo di registrazione, acquista subito! In seguito il presbiterio fu spesso evidenziato all'esterno: nell'architettura romanica e gotica dal tiburio, in quella rinascimentale, barocca e neoclassica dalla cupola. Esso è fiancheggiato dalla Cappella dell’Assunta a sinistra e dalla Cappella di San Paolo a destra, e termina in un’abside poligonale. In asse con la porta centrale dell'iconostasi, circa al centro del presbiterio, si trova l'altare, generalmente di forma cubica o cilindrica, che viene completamente coperto da drappi e tovaglie. In alcune chiese più vecchie si trattò invece di spogliare l'altare antico, utilizzabile per la celebrazione verso il popolo, dal tabernacolo e dalle sovrastrutture aggiuntegli dopo il Concilio di Trento.